cjantin par furlan

Il cjant de Fiologjiche - Il canto della Filologica
(Bindo Chiurlo - Arturo Zardini)
 
 

Un salt 'e Furlane
da lis monz insn al mr:
dongje il mr il sanc dai mrtars,
su lis monz il lr altr.

E la nestre ciare lenghe,
va des monz fin al Timf:
Rome 'ds la s ljende
sul confin todsc e slf...

Che tu crssis, mari lenghe
sane fuarte se Dio 'l,
che tu slrgis la t tende
su la Ciargne e sul Fril.

Che tu vdis, mari lenghe,
serie e sclete intr intr.
Tu confurtis dut chest ppul
salt, onest, lavoradr.

Che tu crssis, mari lenghe
sane fuarte se Dio 'l,
che tu slrgis la t tende
su la Ciargne e sul Fril.

Che tu vdis, mari lenghe,
serie e sclete intr intr.
Tu confurtis dut chest ppul
salt, onest, lavoradr.

Un saluto alla Furlana,
dai monti fino al mare.
Vicino al mare il sangue dei martiri,
sui monti il loro altare.

E la nostra cara lingua,
va dalle montagne al Timavo:
Roma racconta la sua storia
sul confine tedesco e su quello slavo.

Che tu li espanda, o madre lingua,
pura e forte, se Dio lo vuole,
che tu stenda l'accampamento
sulla Carnia e sul Friuli.

Che tu vada, madre lingua,
seria e schietta tutt'intorno.
Tu sia viatico a questo popolo,
saldo, onesto, lavoratore

 

 

 

 

 Motivo convertito in formato MIDI da PIVUTE dai "Bntars"